NOI I CAMERATI

Noi viviamo in un’epoca né bella, né giusta…
Noi viviamo in un’epoca di passaggio e vorremmo essere degni di un tempo così difficile e pericoloso…. Il nostro tempo è ancora effervescente di caos e di dubbio..
esso non ha ancora raggiunto il suo apice e pare destinato ad andare ancora avanti.
Tutto ciò non è facile da sopportare ma costituisce una prova per il nostro carattere, per dimostrare che noi possiamo sopportarlo e che forti e puri rimaniamo in piedi.
Ognuno dei nostri giorni darà senso alla nostra vita e non ci sarà mancanza di lotta e di lavoro senza la certezza che ognuno di noi vedrà il giorno della VITTORIA.
Noi vogliamo fare nostre le parole: ” a Noi non è concessa una vita felice, ma la più nobile che l’uomo possa conseguire: UNA VITA EROICA”.
E’ questa una cupa e senile visione del mondo?
Noi riteniamo che essa appartenga alla gioventù come a una fonte destinata a durare in eterno.
E’ per questa ragione che noi dobbiamo creare una gioventù che non vada travolta ma che sappia proiettarsi nel futuro….
dallo scompiglio dei partiti una giovane generazione sempre si eleva e salda, indirizza il proprio sguardo verso l’alto.
Essa volge la propria volontà verso le vette.
Se voi supererete questa prova, allora voi sarete degni di diventare Guerrieri.
Per questo i vecchi CAMERATI hanno scelto per se un nuovo vessillo.
Questo vessillo noi l’ho vogliamo mostrare a Voi.
Possa esso sventolare su di Voi quando tornerete al vostro lavoro e alla vostra lotta, nei campi e nelle città.
Possa esso annunciare una nuova ERA.
IL CADUCEO

Senza categoria

Informazioni su laportasocchiusa

Ho iniziato questa passione da piccolo dalle basi come comi di cucina,lavare i piatti,preparare le verdure e pulire in continuazione. Introduction La passione è nata quando,come si dice marinavo la scuola e dalla dispensa della cucina di mia madre prendevo un po di olio,sale pepe e tre fette di pane e 2 pomodori da insalata, per la merenda. Mi ricordo che trovai una padella di ferro,la lavai e al Giannicolo il monte di Roma, dato che abitavo in vicolo del Leopardo al n.ro 2,mi preparai per la prima volta,come se dice a Roma n'a frega de bruschette ar pomodoro. Trastevere il quartiere più popolare di Roma negli anni 60. Eravamo come si dice popolani,mia madre mi lavava il calzoncini la sera per averli puliti la mattina. Si faceva merenda con una rosetta bagnata con l'acqua e po di zucchero. C'era fame e un amico di mio padre ci regalo un sacco di lenticchie,tre mesi a mangiare le lenticchie in tutti i modi possibili. Bisognava aiutare la famiglia per cui si iniziava presto a lavorare. Da ragazzino andavo spesso in un ristorante che si trovava vicino a piazza Ippolito Nievo,di fronte abitava un mio compagno di scuola agli Orti di Trastevere,vivevano ancora nelle baracche,io ero più fortunato. Insomma al ristorante lavavo e asciugavo bicchieri e tazzine,oggi ci sono le lavastoviglie.Ogni tanto mi si aggrippa un po la mano,sarà per non farmi dimenticare da dove provengo. La scuola di vita divenne importante nel lavoro che seguì. Lavoravo (premesso che se volevi imparare il mestiere in quel periodo non ti pagavano) presso il ristorante pizzeria Romolus era situato sotto il Ponte del Papa,via Gregorio VII e imparai a fare le PIZZE, lo in maiuscolo perché la pizza prima era un'altra cosa. Chi mi insegnò era un pizzaiolo molisano,azzo era proprio bravo. Preparava l'impasto per la sera alle 2,30 del pomeriggio,impastava con le mani fino a quando lo stesso si vellutava. Lo lasciava lievitare sino alle 6,30, poi impastava nuovamente e preparava piccole palline. Le stendeva con il mattarello,le condiva, vi garantisco così a Roma non si gustano più. Poi cambiai ad andai a lavorare in in un ristorante sempre in via Gregorio VII,entrai come aiuto cuoco e pizzettaro (scusate il dialetto) C'era una cuoca romana,mi insegnò un piatto che a Roma non fa più nessuno - tonnarelli Vecchia Roma(un giorno vi farò partecipi di questa grande ricetta),ricordate Antò, me diceva sempre:tu che hai qualità, quando cucini piatti romaneschi devi usare lo strutto dosato bene,e per i fritti lo strutto vegetale,l'olio extravergine usalo solo per condire a crudo. Era il 1973 il mio stipendio mensile di 120.000 lire. Di seguito,sempre per la fame di sapere,mi impiegai presso il Ristorante dei Pontefici. Lavoravo con la titolare,la mattina aiutavo su tutte le preparazione,il pomeriggio mi fermavo,preparavo l'impasto per le pizze alla maniera molisana,e se necessario anticipavo le preparazioni per il giorno successivo. Non finirò mai di ringraziarla era abruzzese,imparai tutta la sua cucina. Esperienza di vita unica,pasta ripiena,secondi tradizionali,pasta fatta a mano,consistenza,qualità etc. Il mio stipendio mensile 190.000 lire. Poi sono diventato proprietario, in comunione con la mia faglia di un ristorante che si trovava al quartiere Flaminio - Da Sergio alla Romanina - E tutta la mia esperienza la misi al servizio degli altri. Finalmente avevo il tempo di studiare,il pomeriggio andavo a scuola presi la licenza media - il diploma in ragioneria - e lingue - mi specializzai su 5 tipi di cucina,la passione non ti abbandona mai. La prima in assoluto, alto e basso Lazio,Toscana,Ligure,Piemontese e Sarda. Lasciai la cucina,per imparare a gestire la sala.Penso che se quello che proponi e buono, ma la gestione della sala e di basso profilo, cucinare bene non ha senso,tutto si deve compensare,qualità,servizio,accoglienza,cortesia,allegria conviviale e prezzi giusti. Non volevo scrivere un libro,ma giusto per fornirvi una conoscenza più dettagliata su me stesso, e su quelle esperienze che maturano il carattere. Bragging rights Cuoco più Direttore di Albergo I classe A ispettiva

Precedente PACE O GUERRA _ LIBERTÀ' O SCHIAVITU' _ IGNORANZA O FORZA Successivo RICONOSCERE I TEMPI _ IL NUOVO CORPO DELLA NAZIONE